Proseguiranno senza sosta le ricerche dell’uomo che questa mattina, in un bar del quartiere dell’Isolotto a Firenze, prima ha aggredito una dipendente e poi, dopo essersi allontanato è tornato armato di pistola e l’ha minacciata. Sembra che l’uomo, un fiorentino di 48 anni, ex calciante (giocatore del Calcio Storico), conosciuto in città proprio per questo, cercasse l’ex compagna, anche lei dipendente del bar.
Secondo alcuni testimoni l’uomo, uscito dal locale, avrebbe anche sparato alcuni colpi in aria, prima di scomparire nel nulla. Nel pomeriggio – come riporta l’Ansa – la polizia ha circondato la sua abitazione, in via Fedi, nello stesso quartiere, e interdetto per alcune ore la zona a tutti, residenti compresi. Sembrava che il fuggitivo si fosse barricato in casa, armato. Sul posto oltre alle volanti anche gli uomini dell’Unità operativa di pronto intervento.

Dopo circa un’ora e mezzo, mentre su Twitter la polizia chiedeva di non transitare nella zona e ai residenti del quartiere di non uscire di casa, gli agenti hanno fatto irruzione nell’abitazione e verificato che l’uomo non c’era. ‘Liberato’ il quartiere, subito le ricerche si sono estese ad altre zone di Firenze, e non solo. In via Andreotti, dove l’uomo avrebbe un magazzino, sarebbero stati trovati quattro bossoli ma non è chiaro se siano stati esplosi oggi e da qualce arma. La polizia ha rafforzato la sua presenza nel quartiere con numerose pattuglie, come si legge in un altro tweet, anche per dare una risposta alle tante domande di cittadini che sui social si sono rincorse, non senza la diffusione di molte false notizie. Qualcuno ha anche scritto che c’era stata una sparatoria e che un uomo stava sparando ai passanti. Notizie, chiaramente smentite dai fatti ma che hanno allarmato tutta la città.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, braccianti ammassati in un furgone: la video denuncia di un consigliere comunale

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, a febbraio Autostrade scrisse al ministero: “Fate presto per garantire sicurezza del viadotto”

next