Il rispetto del rapporto deficit Pil al 3% “è stato criticato anche da chi lo ha inventato, ma è molto diverso dal dire che lo supereremo”. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria, nel corso di una conferenza stampa presso l’ambasciata italiana in Cina, ha commentato le parole del vicepremier M5s Luigi Di Maio. Quest’ultimo infatti, in un’intervista pubblicata oggi su il Fatto Quotidiano, ha dichiarato che vuole “realizzare subito le tre misure principali del contratto di governo: superamento della legge Fornero, reddito di cittadinanza e flat tax”. E non esclude “lo sforamento del tetto del 3 per cento”.

Sul tema si era espresso, sempre sul Fatto, il senatore leghista e presidente della commissione Finanze al Senato Alberto Bagnai: “Il tetto del deficit è senza basi scientifiche”, era stata la dichiarazione.

Per quanto riguarda invece il rapporto con l’Unione europea e le tensioni degli ultimi giorni sulla gestione dei migranti, Tria ha replicato: “Non vedo grandi conflitti di mia competenza”. Quindi ha concluso: “Lo spread attuale non risponde ai fondamentali e alla solidità dell’Italia. Ricordo che l’Italia ha un surplus primario da vent’anni. Ritengo che l’andamento sia anche dovuto ad una fase di incertezza tipica del periodo estivo. Ma nelle sue linee generali è già stato definito il rispetto delle regole di finanza pubblica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Questo ciclo economico è alla fine. Un’altra recessione è alle porte

prev
Articolo Successivo

Un Paese che crolla, lo Stato che arretra e le holding che costruiscono fortune

next