» Politica
martedì 28/08/2018

Di Maio: “Subito il reddito per tutti. Il 3 per cento si può sforare”

Il vicepremier: “La revoca ad Autostrade procede ottimamente, per la nazionalizzazione vareremo un soggetto ad hoc”
Di Maio: “Subito il reddito per tutti. Il 3 per cento si può sforare”

“La revoca della concessione ad Autostrade procede ottimamente, ci sta lavorando il presidente Conte che è un eccellente avvocato. Certo, mi aspetto che ci facciano causa: cosa puoi aspettarti da persone che come prima dichiarazione sulla tragedia di Genova hanno negato di avere colpe?”. Il vicepremier Luigi Di Maio ostenta fiducia: “Ci sono tutti i presupposti per la revoca, poi realizzeremo la nazionalizzazione”.

E come? Non è affatto semplice da realizzare.
Pensiamo a un nuovo soggetto ad hoc che gestisca quelle strade. Bisogna scegliere tra un modello statale o un altro composto da più soggetti regionali. Ci stiamo lavorando.

Ci sarà anche un commissario per la ricostruzione?
L’auspicio è che ci sia. Sceglierà il presidente Conte.

Lei insiste sulla nazionalizzazione. Ma questa enfasi può scoraggiare gli investitori esteri, non crede?
Gli investitori vengono scoraggiati da contratti come quello fatto per Autostrade, colmo di privilegi. Loro chiedono concorrenza vera. E comunque per me la nazionalizzazione non è una religione: per altri settori valuteremo. In questo caso era una scelta obbligata: non potevamo riaffidarci a uno dei tre soggetti privati, Toto, Gavio o Benetton, perché avrebbe prevalso ancora la logica del profitto.

E delle migliaia di lavoratori di Autostrade che ne sarà?
Quello non è un problema, per loro esiste la normativa sui passaggi di cantiere. Verranno tutelati.

Sarà. Intanto dall’Italia fuggono capitali per miliardi, e lo spread preoccupa. C’è grande sfiducia verso il vostro governo.
È frutto di una narrazione, che ci dipinge come barbari. È la stessa descrizione che davano dell’Amministrazione Trump, che però poi negli Stati Uniti ha fatto crescere il Pil del 4 per cento.

L’Italia non è l’America. Come proverete a rimediare?
Con il contatto diretto con gli investitori.

Magari aiuterebbe a fare chiarezza sulla politica economica. Secondo il leghista Giancarlo Giorgetti, è possibile lo sforamento del tetto del 3 per cento del rapporto tra deficit e Pil. Per lei?
Non lo escludo, tutto può essere. Ma non possiamo dirlo ora, stiamo lavorando alla legge di Bilancio. Se per raggiungere i nostri obiettivi servirà, accederemo agli investimenti in deficit.

Un’altra sfida all’Europa.
Nessuna sfida. Vogliamo solo fare il bene dei cittadini. E la regola del 3 per cento l’ha definita sbagliata il suo stesso inventore (un funzionario del governo francese, ndr).

Nel M5S dicono che potreste varare subito una versione ridotta del reddito di cittadinanza, da 7-8 miliardi.
Io voglio realizzare subito le tre misure principali del contratto di governo: superamento della legge Fornero, reddito di cittadinanza e flat tax.

Quindi, reddito subito? Volevate prima riformare i centri per l’impiego…
La riforma si può avviare assieme alla distribuzione del reddito di cittadinanza.

In quale misura?
Io voglio una forma di reddito più ampia possibile, non procedo in modo timido.

E il ministro dell’Economia Tria che ne pensa? Siete in guerra, tanto che non ha ancora dato le deleghe ai sottosegretari.
Lavoriamo bene assieme. Quanto alle deleghe, abbiamo deciso di non perdere i primi due mesi in scartoffie.

Le deleghe non sono scartoffie, ma potere.
Tria sta già delegando ai sottosegretari, mi creda.

Oggi Salvini incontra a Milano il premier ungherese Orbán. Voi avete precisato che non lo incontrerà a nome del governo, ma si vedranno in prefettura.
E dove lo si riceve un premier?

Appunto…
Con Orbán non vogliamo avere niente a che fare. Ma la sua posizione esplicitamente contraria alla revisione del Trattato di Dublino di fatto è la stessa di Germania e Francia.

La Merkel non mette il filo spinato alle frontiere.
Lei e Orbán sono nello stesso partito in Europa.

Molti nel Movimento sono stufi delle dichiarazioni di Salvini. Le frasi di Roberto Fico hanno portato a galla un enorme malumore.
Roberto ha il pieno diritto di esprimersi da presidente della Camera, ma io ricordo a tutti che Salvini lo conoscevamo bene già prima. È ovvio che su alcune cose non siamo d’accordo, ma il contratto di governo l’ha votato il 94 per cento. C’è una dialettica di governo aperta, perché noi siamo un esecutivo sincero.

Questo giustifica il tenere sequestrati esseri umani al largo di Catania?
Per me il governo non ha sequestrato nessuno. La nostra posizione è sempre stata per i ricollocamenti dei migranti, e non puoi portarla avanti con modi gentili.

A bordo c’erano donne stuprate, tanti con la scabbia.
Abbiamo fatto scendere i minori. E appena i medici ci hanno segnalato i casi abbiamo fatto scendere i malati.

Dopo giorni.
Appena è arrivato l’ordine dei medici.

Salvini ha dato la linea, e tutti vi siete accodati. Compreso Conte, subalterno.
Falso. Il governo ha lavorato compatto, con Conte in prima fila. E la decisione di non far sbarcare subito i migranti è stata presa da tutti noi.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
La missione a Pechino

Tria: “In Cina non per vendere il debito”. Lo spread cala

La missione del governo italiano in Cina ha lo scopo di rafforzare i rapporti economici tra i due Paesi, “non certo quello di cercare compratori per i titoli del debito pubblico”. Lo ha detto ieri il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, nel primo giorno della sua visita, in un’intervista al quotidiano cinese Guangming dopo una settimana di indiscrezioni, alcune per la verità assai curiose (secondo La Stampa, per dire, il ministro Paolo Savona ha un piano per rivolgersi a investitori russi) apparse sui giornali. La tesi che la Cina potrebbe diventare il nuovo investitore del debito pubblico al posto della Bce, dopo la fine del programma di acquisti (il Quantitative easing) “non corrisponde al mio pensiero”, dice Tria, che chiarisce: “Non abbiamo questo problema. Gli investitori cinesi valuteranno se acquistare i titoli italiani, esattamente come faranno gli investitori di altri Paesi o gli investitori italiani. Fino a oggi chi lo ha fatto non si è pentito”. Ieri lo spread tra Btp e Bund decennali ha chiuso in calo a 277 punti. “Tornerà a scendere” assicura Tria. Il banco di prova sarà la legge di Bilancio, attesa entro il 20 ottobre. Prima di allora, però, il governo deve aggiornare stime di crescita e obiettivi di finanza pubblica.

Politica

L’incontro con Orbán fa tremare Conte

Cronaca

Un’aggravante per Salvini: “Sequestrati anche minori”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×