“Non oso uscire a festeggiare per il ‘no’ all’aborto perché credo che né i legislatori, né la società in generale possono dormire sonni tranquilli”. La riflessione, il giorno dopo il “no” del Senato argentino alla legge sulla legalizzazione dell’interruzione volontaria di gravidanza, è di monsignor Victor Manuel Fernandez, arcivescovo di La Plata e teologo molto stimato da papa Francesco.

“Non si è ancora discusso su come faremo ad accompagnare le donne incinte che non desiderano un figlio”, ha dichiarato Fernandez, “come aiutare le donne con problemi a non dover arrivare all’estremo dell’aborto, come facilitare le adozioni, come prevenire le gravidanze tra le adolescenti, come favorire una paternità responsabile, come migliorare l’accesso alla sanità da parte delle donne povere, sono molte più quelle che muoiono perché arrivano al parto denutrite o malate piuttosto che quelle che muoiono a causa dell’aborto”.

Come società e come Chiesa, ammette quindi, “abbiamo fatto poco su questi temi, anche se dobbiamo riconoscere che sono cresciuti all’interno nella Chiesa i gruppi di accompagnamento alle donne che abortiscono per aiutarle a recuperare la pace, mentre i preti delle periferie hanno creato luoghi per accompagnare le donne incinte che non desiderano figli”. “Se a qualcosa è servito questo dibattito – conclude – è per riconoscere gli impegni necessari“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Argentina ha scelto l’aborto clandestino per far morire le donne

next
Articolo Successivo

Contraccezione, in Italia è ancora un lusso: gratis solo in 4 Regioni nonostante la legge. “Lo Stato rinuncia a risparmi”

next