Un fisioterapista di 54 anni che lavora in un centro di riabilitazione di Posillipo è stato arrestato dalla Squadra Mobile di Napoli per presunti abusi sessuali nei confronti di alcune pazienti minorenni. Il centro è specializzato in riabilitazione infantile per i problemi relazionali e si occupa anche di bambini autistici. Il fisioterapista è stato arrestato in flagranza perché dopo le indagini partite dalla denuncia della madre di una 14enne e le verifiche su un secondo episodio di abusi, le forze dell’ordine hanno avuto segnalazione di una terza ragazzina alla quale il 54enne avrebbe scattato delle foto nelle parti intime. Attualmente il professionista si trova agli arresti domiciliari.

Il 54enne, spiegano tra gli altri il Mattino e FanPage.it, si è giustificando davanti al giudice spiegando che è riuscito a instaurare un rapporto con le bambine anche attraverso il solletico, naturalmente senza secondi fini e senza toccare le parti intime. Una ricostruzione che non ha convinto il gip che ha confermato la misura cautelare. Anche perche c’è il terzo episodio, quello delle foto. Anche in quel caso, secondo le cronache dei giornali locali, il fisioterapista ha inteso spiegare al magistrato che era stata la ragazzina ad assumere un atteggiamento “provocatorio” che lui voleva “cristallizzare” a scopo di studio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incendio tangenziale Bologna, ecco cosa resta il giorno dopo l’esplosione: concessionaria distrutta e auto bruciate

prev
Articolo Successivo

Incendio tangenziale Bologna, la telefonata concitata alla polizia: “Incidente enorme, autocisterna in fiamme”

next