“Eravamo in pausa pranzo, tranquilli e rilassati prima del ritorno in officina, e a un certo punto abbiamo visto un gran fumo nero venire da fuori. Ci siamo affacciati sul portone che guarda il piazzale, proprio sotto la tangenziale, per cercare di capire cosa fosse successo. Prima ci sono stati una serie di scoppi, perché il calore stava fondendo i copertoni delle ruote, poi dopo qualche minuto quel botto impressionante che ci ha sbalzati. Eravamo in cinque e siamo volati a terra, ho pensato prendesse fuoco tutto”. Alessandro Zappaterra, operaio della concessionaria Maresca e Fiorentino, racconta così gli attimi dell’esplosione dell’autocisterna di gpl, saltata in aria sul tratto urbano dell’autostrada A14 all’altezza di Borgo Panigale dopo l’incidente con un tir, causando la morte dell’autista e oltre cento feriti. Una scena a cui Zappaterra e i colleghi hanno assistito a pochi metri di distanza, visto che il capannone in cui lavorano si trova esattamente sotto al tratto di cavalcavia in cui è avvenuto lo scontro: “C’erano vetri dappertutto e il fuoco iniziava a propagarsi nel perimetro della ditta. Abbiamo iniziato ad arginare l’incendio con gli estintori come meglio potevamo, in attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco e per evitare che altre macchine andassero a fuoco, dopo che già tre Ducato e un Doblo, da quello che ricordo, erano stati presi dalle fiamme”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Incendio tangenziale Bologna, aperta un’inchiesta per disastro colposo e omicidio: “Forse un colpo di sonno”

prev
Articolo Successivo

Spiaggia sul Tevere, Tiberis è un’operazione trash che offende i romani

next