Kaos, il pastore tedesco trovato senza vita dal suo padrone il 29 luglio, è morto per avvelenamento da metaldeide, un prodotto chimico usato in agricoltura come lumachicida. È quanto risulta dagli esami finali dell’Istituto zooprofilattico di Abruzzo-Molise. Non è dato sapere se per avvelenamento doloso o da assunzione involontaria da parte del cane. Il cane, che era stato protagonista di diversi salvataggi durante il terremoto in Centro Italia, è stato sottoposto all’esame proprio per stabilire la cause del decesso. Ieri invece era stata diffusa una notizia parziale: l’ipotesi era che fosse morto per cause naturali.

L’addestratore, Fabiano Ettoore, invece aveva immediatamente ipotizzato l’avvelenamento denunciando su Facebook. E proprio lui, Fabio Ettorre, polemicamente ieri diceva: “Ci sono molti punti oscuri, per le persone ci vogliono giorni e qui in 24 ore è stata fatta l’autopsia e sono stati dati i risultati”. Tra le ipotesi che si erano fatte strada quella di una morte naturale dovuta ad un problema congenito al cuore. “Un infarto in cani come Kaos, addestrati e allenati alla fatica e allo stress è molto raro. Avviene solo in animali da zoo”, aveva invece spiegato all’Ansa il veterinario di parte nell’inchiesta sul decesso, Pierluigi Castelli che assiste Ettorre. “In base alla descrizione e agli elementi che ci ha fornito il proprietario sullo stato del cane al momento del ritrovamento non sembrerebbe infarto. L’unica possibilità è che avesse una malformazione congenita che non si conosceva. Per ora, però – sottolineava Castelli – si tratta solo di sospetti perché la Procura non ci ha ancora autorizzato ad accedere agli atti dell’autopsia, che non sapevamo nemmeno essere in corso ieri”. Sulla morte di Kaos è in corso l’inchiesta della procura dell’Aquila con le indagini affidate ai carabinieri forestali che hanno fatto rilievi sequestrando la carcassa per gli accertamenti autoptici fatti presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale di Teramo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, aggredito Enrico Nascimbeni scrittore vicino ai Sentinelli: “Sporco comunista di m…”

prev
Articolo Successivo

Dopo 101 anni dall’affondamento trovato il sommergibile Guglielmotti

next