Gli italiani con un patrimonio di almeno un milione di dollari in ricchezza finanziaria personale nel 2017 erano 394mila, il 19% in più rispetto ai 330mila del 2016. E nel 2022 i Paperoni saliranno a quota 519mila. E’ quello che emerge dalla diciottesima edizione del report annuale Global Wealth del Boston Consulting Group. L’Italia è all’ottavo posto tra gli Stati considerati, con 5mila miliardi di dollari di ricchezza personale complessiva. Sul podio gli Stati Uniti con 80mila miliardi, la Cina con 21mila e il Giappone con 17mila.

In generale la ricchezza finanziaria personale globale continua a crescere e nel 2018 registra un +12% rispetto al 2017, raggiungendo il totale di 201,9mila miliardi in dollari. Un incremento più che doppio rispetto all’anno precedente, quando la ricchezza mondiale era cresciuta del 4%, e che rappresenta il più forte tasso di crescita annuale degli ultimi cinque anni.

Importante l’impatto che ha avuto l’andamento delle valute ma anche quello dei mercati: la ricchezza azionaria e quella parcheggiata in fondi di investimento ha registrato l’incremento di gran lunga più forte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Toscana Aeroporti, il fondo sovrano di Dubai acquisisce il 25% della società presieduta dall’amico di Renzi

prev
Articolo Successivo

Foodora vende attività in Italia, Francia, Olanda e Australia

next