Aveva insultato un alunno cinese di 12 anni chiamandolo ‘cinese di m…’, ora un professore di educazione tecnica di una scuola media di Torino rischia il processo per istigazione all’odio razziale. La pm Mario Bendoni ha chiuso le indagini a carico del docente e nelle prossime ore verranno notificati gli atti formali.

Il presunto episodio di razzismo era stato subito segnalato dall’istituto all’Ufficio scolastico regionale e i genitori di tutti gli alunni della classe avevano chiesto che il docente venisse sospeso dall’incarico.

Per questo caso verrà applicata per la prima volta la direttiva del procuratore capo di Torino Armando Spataro, presentata a inizio luglio. Le linee guida sono state scritte per un più efficace contrasto dei reati motivati da ragione di odio razziale e discriminazione etnico-religiosa.

La direttiva prevede che i magistrati possano trattare come prioritari tutti i procedimenti che riguardano reati di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale e religioso, con indagini rapide volte all’individuazione dei responsabili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pamela Mastropietro, Oseghale confessa: “L’ho fatta a pezzi. È morta per un malore dopo aver assunto droga”

prev
Articolo Successivo

Regione Calabria, il Consiglio nomina dipendente nella struttura speciale. Dda: ‘Aiutò figlia a intestarsi società di un boss’

next