“Nel decreto dignità non c’è stato nessuno spiraglio per gli interessi delle lobby, ma porte aperte agli interessi dei cittadini, ringrazio i parlamentari per aver tenuto duro e tenuto fede a contratto di governo”A rivendicarlo alla Camera, intervenendo nella discussione sul decreto Dignità, è stato il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio. Per poi aggiungere: “Non c’è interesse di partito, non c’è un favore a nessun imprenditore, a nessun banchiere, a nessun amico, a nessun parente, né ci sono commi nascosti che celano qualche vergogna”. E ancora: “Non è nato da pressioni di Bce, Fmi, Ue o Paesi stranieri”.
“Quando questo decreto sarà definitivamente approvato, potremo dire che è il popolo che ricomincia a esercitare la sua sovranità come stabilisce la Costituzione. Sovranità è una bella parola. Oggi posiamo la prima pietra di una nuova Italia che mette al centro il cittadino e i suoi diritti. E questo è solo l’inizio”, ha concluso il ministro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi: “Air Force? Una delle più grandi bufale del M5s. Conte in Usa non col materassino ma con aereo di Stato”

prev
Articolo Successivo

Salento, il sindaco di Racale a Salvini: “Non mando i vigili a fare le multe agli ambulanti. Altro di più giusto da fare”

next