“L’informazione libera? Non può essere pubblica. Prendiamo la Rai: se l’editore è il Parlamento, non si parte bene. Uno (un giornalista, ndr) non potrà attaccare tutti i partiti, altrimenti attaccherebbe i suoi editori”. Così Enrico Mentana, direttore del Tg La7, ospite della quarta tappa di Rousseau City Lab, a Cesenatico, intervistato da Davide Casaleggio. “Se la politica è l’editore, condizionerà le tue scelte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mentana: “Fake news? In 27 anni da direttore nessuno mi ha mai detto ‘parla male di quello o di quell’altro'”

prev
Articolo Successivo

Marcello Foa, un giornalista ‘organico’ a capo della Rai

next