Dopo la caduta di Vincenzo Nibali sull’Alpe d’Huez, che gli è costata il ritiro anzitempo, e gli uomini della gendarmerie che hanno spruzzato lo spray urticante contro gli agricoltori in protesta mentre passavano i corridori, con il conseguente stop della corsa, al Tour de France ne è successa un’altra: al termine della 17esima tappa, Chris Froome è stato scambiato per un cicloamatore dalla polizia francese mentre scendeva dal Col du Portet con un addetto alla sicurezza del team Sky. Il campione britannico è stato strattonato e ha rischiato di cadere dalla bicicletta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tour de France: Guillaume Martin, il ciclista-filosofo che scrive per Le monde e cita Cartesio

next