Dopo la caduta di Vincenzo Nibali sull’Alpe d’Huez, che gli è costata il ritiro anzitempo, e gli uomini della gendarmerie che hanno spruzzato lo spray urticante contro gli agricoltori in protesta mentre passavano i corridori, con il conseguente stop della corsa, al Tour de France ne è successa un’altra: al termine della 17esima tappa, Chris Froome è stato scambiato per un cicloamatore dalla polizia francese mentre scendeva dal Col du Portet con un addetto alla sicurezza del team Sky. Il campione britannico è stato strattonato e ha rischiato di cadere dalla bicicletta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tour de France: Guillaume Martin, il ciclista-filosofo che scrive per Le monde e cita Cartesio

next