Dopo la caduta di Vincenzo Nibali sull’Alpe d’Huez, che gli è costata il ritiro anzitempo, e gli uomini della gendarmerie che hanno spruzzato lo spray urticante contro gli agricoltori in protesta mentre passavano i corridori, con il conseguente stop della corsa, al Tour de France ne è successa un’altra: al termine della 17esima tappa, Chris Froome è stato scambiato per un cicloamatore dalla polizia francese mentre scendeva dal Col du Portet con un addetto alla sicurezza del team Sky. Il campione britannico è stato strattonato e ha rischiato di cadere dalla bicicletta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tour de France: Guillaume Martin, il ciclista-filosofo che scrive per Le monde e cita Cartesio

prev
Articolo Successivo

Napoli, De Laurentiis: “Limite su extracomunitari nelle squadre? Da coatti cerebrali”. E attacca Lotito e Tavecchio

next