Sono arrivati sulla spiaggia di Soverato e sono stati soccorsi dai bagnanti. E’ accaduto a Isola Capo Rizzuto, nel crotonese, dove 56 migranti siriani e iracheni sono approdati a bordo di una barca a vela lunga 16 metri, che ha raggiunto la costa calabrese senza essere intercettata. Il gruppo – costituito da 39 uomini, 6 donne e 11 bambini – è stato soccorso da bagnini e vacanzieri di due villaggi turistici, Capo Piccolo e Cala Greca, che dall’arenile hanno visto l’imbarcazione accostarsi alla terra e hanno aiutato le persone portandole a riva a bordo di pattini e gommoni. Sono state allertate la Guardia Costiera e le forze dell’ordine. Sul luogo dello sbarco sono intervenuti poco dopo la Croce Rossa Italiana, la Misericordia di Isola Capo Rizzuto e la Polizia di Stato. I profughi sono stati trasferiti al Cara di Sant’Anna.

“Una notizia che dona speranza dalla mia regione – ha commentato su Twitter il Senatore Pd Ernesto Magorno – In provincia di #Crotone un gruppo di migranti è stato soccorso da tanta gente comune che era sulla spiaggia, ecco un pezzo di #Calabria che vale, solidale e in prima linea per salvare vite umane. #Restiamoumani“.

“I bagnini hanno notato un veliero, si sono avvicinati all’imbarcazione con il loro pattino e hanno notato la presenza di alcuni migranti a bordo – ha raccontato il presidente del comitato della Croce Rossa di Crotone, Francesco Parisi, in un’intervista a InBlu Radio – Le prime persone sono state fatte salire direttamente sul pattino, tra queste anche una donna con un bambino di pochi mesi”. “Subito dopo siamo intervenuti noi – ha aggiunto Parisi – e abbiamo verificato le condizioni di salute delle persone. Di solito, durante le ore notturne veniamo allertati da questi barconi o velieri che arrivano sulle nostre coste dalla Turchia. E’ il terzo arrivo nell’ultimo mese”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piacenza, arrestato per aver palpeggiato una bambina di 9 anni. Erano ospiti nella stessa struttura d’accoglienza

next
Articolo Successivo

Milano, epidemia di legionella a Bresso: 2 morti e 17 persone colpite. La Regione: “Situazione critica, ecco le precauzioni”

next