“Lesa la concorrenza, la gara è stata un pasticcio, per colpa dello Stato“. Ad attaccare il precedente esecutivo sul dossier Ilva, è stato il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio, nel corso della risposta all’interpellanza urgente sul caso dell’acciaieria, dopo le criticità fatte emergere dall’Anticorruzione. Forte del parere dell’Anac, Di Maio ha così rivendicato i problemi emersi in merito all’assegnazione dell’azienda siderurgica al gruppo guidato ai franco-indiani di ArcelorMittal. “Le regole sono state cambiate in corsa. Ma non solo. L’offerta di Acciaitalia era migliore, ma nel bando metà del punteggio era dato al prezzo e non al piano ambientale e alla salute”, ha sottolineato Di Maio. Per poi rilanciare lo scontro a distanza con il suo predecessore Carlo Calenda: “Inspiegabile che nessuno se ne sia accorto e che è rimasto tutto sotto silenzio”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ilva, c’è l’interpellanza urgente a Di Maio ma l’Aula sembra già in ferie. Banchi vuoti tra M5s, Lega, Pd e FI

prev
Articolo Successivo

Migranti: le politiche di Salvini sono disumane, illecite e sbagliate

next