Elettrificazione, investimenti miliardari, nuovi modelli, raddoppio di vendite e fatturato. E’ ambizioso il piano strategico 2018-2025 (correzione di rotta rispetto a quello 2016-2022) elaborato nel quartier generale inglese della McLaren, al punto da far temere quanto già accaduto ad altri (leggi Bentley, Lamborghini e tra un pò anche Ferrari): quella sorta di negazionismo storico che fa piegare anche i marchi più esclusivi/sportivi agli sport utility, fonte facile ed inesauribile di denari. “Noi non lo faremo”, giurano da Woking.

Prendiamo atto e, se sarà vero, ringraziamo per il coraggio. Anche perché passare dalle 3.340 auto vendute nel 2017 (la metà delle quali “portentose” 720S, con gli Usa primo mercato) alle 6.000 preventivate nel 2025 senza l’aiuto di un suv, sarebbe impresa meritoria assai. Nonostante lo sforzo di investire 1,2 miliardi di sterline (1,35 mld di euro) in ricerca e sviluppo di nuovi prodotti.

Come altrettanto degno di nota è l’obiettivo di elettrificare tutta la gamma entro il 2024, accoppiando un’unità elettrica ai motori a benzina, con pacchetti batterie di nuova generazione fatti in casa. Il tutto senza snaturare pilastri come la collocazione del propulsore in posizione posteriore-centrale. O rinunciare al concetto di “Lightest in Class”, ovvero quella leggerezza da primato che fa volare le sportive inglesi, grazie alla profusione di fibra di carbonio, alluminio e leghe composite.

Leit motif di una gamma divisa in tre filoni: Sport Series (540C, 570GT, 570S e S Spider, ma anche la nuova 600LT che vedete in foto, ha debuttato pochi giorni fa a Goodwood e resterà in produzione solo per un anno), Super Series (720S) e Ultimate Series, che comprendono la neo-arrivata e pistaiola Senna (945.000 euro di listino) così come l’icona di design BP23, il cui nome definitivo è ancora top secret ma che arriverà in commercio entro fine anno in soli 106 esemplari. Nel complesso 18 novità, alcune delle quali già in pista, entro il 2025.

Nel frattempo, per non farci mancare nulla, abbiamo provato su strada due cavalli di battaglia come la 570S Spider, go-kart estremo open air, e la 720S, bestseller e hypercar da usare tutti i giorni, che tuttavia ha un listino da supercar “semplice”. Ma queste sono altre storie, che meritano di essere raccontate a parte. Presto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Seetroën, ecco gli occhiali contro il mal d’auto, nave e aereo – FOTO

prev
Articolo Successivo

Cristiano Ronaldo, un garage da favola. E ora c’è pure una Jeep da 700 cavalli

next