Bagarre a In Onda (La7) tra Maurizio Paniz, avvocato penalista ed ex parlamentare del Pdl (per tre legislature), e il giornalista Mario Giordano. Paniz annuncia ricorso contro il taglio dei vitalizi alla Camera, definendo il provvedimento “incredibile per la sua illegittimità”. L’ex direttore del Tg4 obietta: “Con l’abolizione dei vitalizi alla Camera si cerca di ristabilire un rapporto di fiducia tra i cittadini e la politica e si va a toccare un privilegio. Parliamo di vitalizio e non di pensione. C’è stata una ferita nella democrazia e per questo motivo invito sinceramente gli ex parlamentari a non fare questi ricorsi”. “Lei sa benissimo che sta dicendo il falso“- ribatte Paniz, scatenando la reazione indignata del giornalista – “Il vitalizio è una cosa che è stata eliminata nel 2012. E sia così cortese da tacere fin tanto che parlo io”. “Lei non si può permettere di accusarmi di dire il falso”, protesta Giordano. “Io invece mi permetto” – replica Paniz – “e lo dico a voce alta. E se lei ha il coraggio, intervenga in un’altra forma. Le ripeto a voce alta che la sua affermazione è falsa”. “Gli interventi sono sui vitalizi in essere, non dica delle bestialità” – controbatte il giornalista – “Quello è lo scandalo. E quei vitalizi vengono pagati alla fine di ogni mese. Sono stati pagati a giugno, a luglio e verranno pagati fino a novembre. Poi per fortuna stop”. “Lei è un giornalista in grado di leggere i quotidiani” – continua il legale – “Quindi, avrà letto l’intervista di Repubblica al vicepresidente emerito della Corte Costituzionale, professor Cheli“. “Sì, ha detto delle emerite scempiaggini“, risponde Giordano. E Paniz sbotta: “Che Giordano si permetta di dire che Cheli abbia detto scempiaggini mi pare davvero una cosa folle. Cheli ha detto chiaramente che questo è un provvedimento illegittimo e in uno Stato di diritto non è concepibile su situazioni consolidate”. “Faccia tutti i ricorsi” – ammonisce qualche minuto dopo Giordano – “poi però non si lamenti quando i cittadini diranno che la politica fa schifo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Nave Diciotti, Candiani (Lega) vs Meli: “È normale che Salvini pretenda arresto due migranti”. “Non lo è affatto”

next