Appello dei Radicali e dell’Associazione Luca Coscioni al premier Giuseppe Conte, per chiedere un decreto legge che “rimuova gli ostacoli al diritto di promuovere referendum“. Per questo sabato 7 luglio il segretario dei Radicali Mario Staderini e Marco Gentili, Copresidente dell’Associazione Luca Coscioni, si sono presentati davanti a Palazzo Chigi per consegnare la lettera a Conte. Nel mirino di Staderini e Gentili le procedure discriminatorie imposte per la raccolta firme che, imponendo l’autentica da parte di un pubblico ufficiale, riservano oramai solo ai grandi partiti ed organizzazioni sindacali la possibilità di promuovere referendum nazionali.“Negli ultimi otto anni – spiegano- gli unici referendum nazionali che abbiano superato le 500 mila firme sono stati quelli promossi dal Partito democratico, dalla Lega e dalla Cgil, che hanno un esercito di autenticatori. Ci rivolgiamo a lei come cittadini cui lo Stato da anni sta negando un diritto politico fondamentale: partecipare alla vita politica del Paese promuovendo i referendum previsti dalla Costituzione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maglietta rossa, l’iniziativa di Libera sui migranti. Salvini: “Che peccato, non l’ho trovata”. Don Ciotti: “Gliela porto io”

next
Articolo Successivo

Migranti, Bettazzi uno dei “vescovi-coraggio” scrive a Conte: “Non si usino i porti chiusi per ottenere più consensi”

next