“Io vengo considerato l’élite e Salvini il popolo. Io lavoro da quando ho 18 anni, Salvini ha fatto solo il consigliere comunale e l’europarlamentare. Certo, anche fare politica è un lavoro, ma se ci vai. Se tu non vai all’Europarlamento e ti prendi 20mila euro al mese, un problema ce l’hai. Chi è élite? Io o Salvini?”. E’ una delle stoccate dell’ex ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, al ministro dell’Interno, nel corso della trasmissione In Onda (La7). “Considero Salvini quanto di peggio c’è in termini di serietà e di capacità di fare” – continua – “Mi riferisco alla campagna elettorale quando ha preso in giro gli operai della Ideal Standard, dicendo che mi avrebbe chiamato e invece non fece niente e sparì. Tutta questa politica fatta coi videotelefonini, per come si sta mettendo la storia, è finita, perché le cose nel governo poi sono dure e difficili. Ha fermato gli sbarchi? No, quello è stato Minniti, facendo cose anche molto dure”. “Atroci e disumane“, replica il sociologo Marco Revelli. Calenda poi esprime perplessità sul decreto di dignità: “Bisognava fare un taglio gigantesco del cuneo fiscale. Abbiamo sbagliato a non farlo al posto degli 80 euro. E l’ho detto sempre. Era questa la priorità, perché induce ad assumere a tempo indeterminato. Se disincentivi i contratti a termine, creando un problema di contenzioso gigantesco con l’imprenditore, quest’ultimo non è che ti assume. Di Maio ha detto che interverrà anche sul cuneo fiscale, ma laddove esattamente non può intervenire sul cuneo fiscale, cioè selezionando le aziende che esportano e tagliandogli il cuneo fiscale” – continua – “E’ una cosa che ti insegnano dopo 3 mesi in cui stai in Parlamento. E che Di Maio non lo sappia è una cosa grave. Si presenta in conferenza stampa a Palazzo Chigi senza sapere quello che può fare e quello che non può fare. Si prendesse un capo di gabinetto“. L’ex ministro poi inciampa su un lapsus e attacca nuovamente Salvini e Di Maio, chiamandoli “Bibì e Bibò”. “E’ una dura linea di attacco che non ha rispetto per l’avversario”, osserva uno dei conduttori, Luca Telese. “No, quando Di Maio ha fatto una cosa buona, gliel’ho riconosciuta” – risponde Calenda – “Sui riders e sulla ludopatia ha fatto bene e l’ho detto pubblicamente. Le battaglie ideologiche sulla pelle dei lavoratori non le faccio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Flat tax, Borghi vs Cottarelli: “Basta con le bugie. E tu vorresti insegnarci l’economia?”. “Perdio, lasciami parlare”

next
Articolo Successivo

Revelli a Calenda: “Ha pubblicato suo manifesto politico sul Foglio, non amato dal popolo di sinistra”. “Io sono fiero”

next