Si torna a parlare di casa e, in particolare, di affitti. Temi quanto mai attuali soprattutto nelle ultime settimane: le famiglie italiane, infatti, si sono trovate a mettere a budget sia l’acconto dell’Imu che quello della Tasi e, nell’arco di una manciata di giorni, dovranno versare il saldo delle imposte del primo acconto.
In questa fase, quindi, è importante avere chiari tutti i cambiamenti normativi e fiscali legati alle spese per la casa. A questo proposito, un recente articolo di Immobiliare.it ha spiegato il funzionamento della cedolare secca, elencando i soggetti che possono contare su un’aliquota più bassa in fase di dichiarazione.

Contratti di locazione: quali novità

Tutti i proprietari di casa e gli affittuari che si ritrovano a compilare il Modello 730 devono fare particolare attenzione alle ultime novità, conseguenti all’introduzione della cedolare secca anche sugli affitti di breve periodo. A livello generale, possiamo dire che la cedolare secca rispetto all’Irpef è notevolmente più conveniente grazie all’aliquota più bassa. Inoltre, con questa forma si riesce a risparmiare anche l’imposta di registro annua del 2%.
Sul fronte degli immobili ad uso abitativo, infatti, l’Irpef può essere sostituita dalla cedolare secca con un’aliquota pari al 21% per ciò che riguarda i contratti a canone libero mentre, per quelli a canone concordato, la percentuale per il 2017 vede una riduzione fino al 10%.