Polemica concitata a In Onda (La7) tra Claudio Borghi, deputato della Lega e presidente della commissione Bilancio della Camera, e l’ex commissario alla spending review, Carlo Cottarelli, sulla flat tax. Borghi menziona il caso della Russia: “Nel 2001 è passata da un sistema ad aliquote, esattamente identico al nostro, al 12% di flat tax, con un aumento del gettito fiscale del 25%, ma perché c’è stata una emersione”. Cottarelli replica: “In quel periodo il pezzo del petrolio è passato da 10 dollari a barile a 60 dollari a barile. Figuriamoci. E’ chiaro che le tasse sono aumentate”. Esplode la polemica tra i due duellanti. Borghi ribatte: “Ma sta dicendo che in un anno il prezzo del petrolio è passato da 10 dollari a 60 dollari a barile nel 2001, nel mentre che veniva introdotta la flat tax? Se dice che in un anno il prezzo del petrolio è aumentato 6 volte, sta facendo burla di se stesso“. “Ma chi ha detto sei volte? Io mi riferivo al ’99” – risponde Cottarelli – “C’è un ritardo quando si pagano le tasse rispetto al reddito. Quindi, tra una cosa e l’altra, c’è voluto un po’ di tempo”. “Guardi che è stato immediato l’aumento del gettito del 25%” – controbatte Borghi – “Andiamo a vedere i prezzi del petrolio in quell’anno, perché io sono stufo delle balle. Ogni volta che si va in televisione, ci sono bugie”. A stento i due conduttori, Luca Telese e David Parenzo, riescono a sedare gli animi. E Cottarelli impreca: “Perdio, Borghi sta dicendo che sto mentendo”. Dopo qualche minuto, riesplode lo scontro. Borghi legge in diretta dal suo smartphone il prezzo del petrolio nel 2000 (27 dollari), 2001 (23 dollari) e 2002 (22 dollari). E accusa: “E questo signore vorrebbe insegnarci l’economia? Ci ha detto che il prezzo del petrolio è passato da 10 dollari a 60 dollari a barile e invece è sceso in quel periodo. Vedete come viene inquinato dalle bugie il dibattito sull’economia?”. “Ma non è possibile, Borghi non mi lascia parlare. E perdio”, esclama Cottarelli. “Non c’è bisogno dei perdio”, mormora Telese. L’economista prosegue: “Nel ’99 il prezzo del petrolio era 10 dollari a barile, poi è aumentato rapidamente. Questo ha rilanciato tutta l’economia russa, il che ha fatto crescere il Pil“. Borghi ripete i dati prima letti. “Non sono quelli i numeri che ho detto”, ribatte Cottarelli – “Guardi il prezzo del petrolio nel ’98”. Il battibecco continua ancora, concludendosi in modo ilare. Borghi che simula con le mani il mirror climbing di Cottarelli e quest’ultimo commenta, ridendo e applaudendo il suo “avversario”: “Eh, buonasera, ciao”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toscani: “Salvini? Manca di umanità, è un vecchio. Fico? Non la pensa come il leghista ma è un collaborazionista”

next
Articolo Successivo

Calenda: “Salvini simbolo del popolo? Io lavoro da quando ho 18 anni, lui ha fatto solo politica. Chi è davvero élite?”

next