“Meglio tardi che mai, quel che cerchiamo di portare avanti sono soluzioni a sfruttamento e schiavitù all’interno della filiera agricola e l’incontro di oggi è stato caratterizzato dalla disponibilità del ministro del Lavoro su temi che noi abbiamo portato avanti, stiamo parlando di 600 mila lavoratori perché l’ultima regolarizzazione risale al 2012 e lì c’era un governo che aveva anche la Lega Nord al suo interno, quindi non esiste un tema tabù”. A dirlo Aboubakar Soumahoro, il sindacalista Usb rappresentante dei braccianti immigrati che, in seguito all’uccisione lo scorso 2 giugno del bracciante Soumaila Sacko, ha chiesto e ottenuto un incontro con il ministro del lavoro Luigi Di Maio, in seguito al quale si è stabilito di istituire un tavolo interministeriale contro il caporalato. “I dati ci dicono che tutti contribuiamo allo sviluppo di questo Paese – ha detto commentando le dichiarazioni di Salvini – e Soumaila era uno di questi lavoratori che combatteva per migliorare la situazione sociale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decreto dignità, Confindustria stia serena. La dignità è ancora tutta da riscattare

prev
Articolo Successivo

Operai Fiat, i limiti del diritto di satira amareggiano chi crede nella certezza del diritto

next