Il Gp d’Austria ha evidenziato in modo chiaro i limiti e le potenzialità di motore e gestione gomme di ogni squadra. Un tracciato vecchio stile che forse ha messo a nudo pregi e difetti.

Partendo dalla Red Bull, che si aggiudica questa gara con Verstappen, le due vetture del team di Milton Keynes hanno dato vita ad una gara a doppia faccia. Ricciardo in sofferenza con le gomme (poi fermatosi per una noia tecnica) e Verstappen invece a suo agio che addirittura “spinge” fino a dieci giri della fine senza mai soffrire in modo evidente di fenomeni di blistering. Merito suo sicuramente e grazie, evidentemente, ad una sua eccellente sensibilità di guida. Merito però anche della RB14 che in gara si trasforma in una vettura equilibratissima.

Se in qualifica la Red Bull paga però dazio, non disponendo di tutti i cv che il suo motorista potrebbe darle con gli ultimi aggiornamenti, dopo aver annunciato il passaggio alla Honda nel 2019. Il motorista francese, infatti, potrebbe nasconderle qualcosa che, come logico, rischierebbe di finire “riversato al motorista nipponico. In gara invece, dove il motore può contare meno, ma telaio e aerodinamica fanno il resto, le Red Bull, su una pista di trazione pura, hanno potuto dire la loro.

Le Ferrari invece, sono state strabilianti sotto il profilo della gestione gomme e non hanno mai sofferto il surriscaldamento e i possibili fenomeni di blistering. Merito, anche qui, della sensibilità dei suoi piloti ma anche di un telaio, quello della SF71-H, che ancora una volta, dimostra di essere estremamente gentile con le gomme. Certo con il doppio Ko delle Mercedes dovevano e potevano vincere, e ancora una volta al tedesco una disattenzione (quella in qualifica) gli è costata cara.

Disastro Mercedes, è il caso di dire. Le perfomance ci sono, sia in qualifica che in gara, le “frecce d’argento” a tratti sembravano imprendibili. L’aggiornamento al motore ha dato i frutti sperati, anche gli interventi alle pance con l’aggiunta dei profili dal punto di vista aerodinamico hanno funzionato. Forse non è bastato ancora a risolvere i problemi di affidabilità e raffreddamento l’ampliamento delle bocche d’ingresso radiatori apportato in Austria. La gestione delle gomme è stata poi drammatica, una vera piaga in casa Mercedes e forse il motivo è da ricercare nel suo assetto piatto, cosiddetto a basso angolo di rake. La rigidezza delle sospensioni posteriori della vettura di Hamilton si è riflessa sul consumo esagerato delle gomme posteriori. Forse sarà il caso di rivedere in futuro questa filosofia e non lamentarsi con il costruttore di pneumatici che ovviamente fornisci mescole uguali per tutti ma che vano in crisi in modo evidente solo sulle Mercedes.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

F1 GP Austria: Hamilton fuori, vince una Red Bull, ma Vettel torna in testa al mondiale

prev
Articolo Successivo

Formula 1, Gp Silverstone: pole di Hamilton davanti a Vettel e Raikkonen

next