Il Congo è un Paese in guerra da 20 anni: nonostante sia ricchissimo di risorse minerarie, è perennemente preda dell’instabilità politica ed economica, nonché dilaniato da guerre intestine. Lo racconta “This in Congo“, il documentario in onda domenica 24 giugno alle 23.05 su Sky Atlantic HD e disponibile su Sky On Demand.

Diretto da Daniel McCabe e distribuito in Italia da CDI – Camera Distribuzioni Internazionali, “This in Congo” è stato presentato Fuori Concorso alla 74° Mostra del Cinema di Venezia. Attraverso le storie di quattro personaggi (un informatore in incognito, un comandante dell’esercito dallo spirito patriottico, una trafficante di pietre preziose e un sarto sfollato in un campo profughi), il documentario offre un punto di vista dall’interno e senza filtri sui problemi di questa enorme nazione, di cui nel mondo occidentale si sa poco o nulla, e della sua popolazione che continua a resistere, nonostante sia da più di cinquant’anni al centro di interessi e scontri economici globali. Le strade e le vite di questi quattro personaggi non si incrociano mai, ma l’orrore della guerra accomuna le loro esistenze. Il risultato è un’istantanea lucida e dolorosissima di una realtà altamente complessa, scattata attraverso la viva voce dei congolesi, che non offre risposte, ma aiuta a comprendere quanto sia ampia e articolata la situazione in Africa e quanto complicate le azioni da compiere. “Il Congo è questo”, dice il documentario, lasciando al mondo occidentale il compito di trarne conclusioni. Il Congo diviene così un luogo chiave per la comprensione delle molteplici crisi che stanno attraversando la nostra contemporaneità

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, qui a Istanbul c’è una parte della nostra storia

prev
Articolo Successivo

Elezioni Turchia, Erdogan trionfa con il 53% dei voti: “Vittoria della democrazia”. Lo sfidante: “Dati manipolati”

next