Affluenza in netto calo ai ballottaggi per l’elezione dei sindaci in 75 comuni. E’ stata del 47,61% l’affluenza definitiva in 67 dei 75 comuni chiamati alle urne per i ballottaggi per le elezioni comunali sulla base dei dati raccolti dal Viminale. Al primo turno l’affluenza era stata del 60,42%. Dunque il calo è stato di circa 13 punti percentuali. Il dato non tiene conto dei risultati della Sicilia e del III municipio della Capitale, gestiti direttamente dalla Regione e dal Comune di Roma.

Alle 19 ha votato il 33,38% degli aventi diritto, nel primo turno del 10 giugno aveva votato alla stessa ora il 42,82%. Il dato non tiene conto degli 8 comuni al voto in Sicilia e del municipio III di Roma, dove i numeri vengono rilevati rispettivamente dalla Regione e dal Campidoglio. L’affluenza crolla in alcuni comuni del napoletano come Torre Del Greco (14,50 % alle 19, contro il 36,38% del primo turno), Quarto (18,97% contro il 29,68 % del primo turno) e Castellammare di Stabia (20,89% contro il 38,56% del primo turno). Ad Ancona, unico capoluogo di Regione interessato dalla tornata elettorale, alle 19 ha votato il 29,68% degli aventi diritto (il 10 giugno alla stessa ora era il 38,25%).

Sono 75 i comuni al ballottaggio, cui si aggiunge il municipio romano del quartiere Montesacro. Quattordici i capoluoghi al voto (Ancona, Avellino, Brindisi, Imperia, Massa, Messina, Pisa, Ragusa, Siena, Siracusa, Sondrio, Terni, Trapani e Viterbo) e 2.793.002 complessivamente gli elettori chiamati alle urne. Pisa è l’unico dei 14 capoluoghi dove il numero dei votanti tiene rispetto al primo turno (42,09% contro 43,67%). Con oltre 521 mila cittadini alle urne, la Sicilia è la Regione con il maggior numero di elettori impegnati: scelgono il sindaco, tra le altre, Messina, Ragusa e Siracusa. Seguono il Lazio (496.963 al voto), dove si vota per il III Municipio della capitale e in 8 Comuni tra i quali Aprilia, Fiumicino, Pomezia, Velletri e Viterbo. In Campania sono 365.566 gli elettori chiamati alle urne e si vota in 13 Comuni. In Puglia (340.246 votanti) 11 comuni vanno al voto, tra cui Altamura e Bisceglie. In Toscana votano 242.923 persone in 6 comuni. Quattordici le Regioni interessate dal turno elettorale. Dei 20 capoluoghi andati alle urne solo sei hanno superato il 10 giugno senza bisogno del secondo turno: Brescia e Trapani sono andate al centrosinistra con la vittoria rispettivamente di Emilio Del Bono (confermato con il 53,9% delle preferenze) e Giacomo Tranchida (eletto con il 70,7%). Sono andate invece al centrodestra Vicenza, Treviso, Catania e Barletta: nelle prime due si sono imposti i candidati della Lega Francesco Rucco a Vicenza e Mario Conte a Treviso. A Barletta ha vinto Mino Cannito (53,11%) a capo di una coalizione di liste civiche, mentre a Catania Salvo Pogliese ha avuto la meglio sul Enzo Bianco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caro Salvini, guarda cosa è successo a Trump! Non conviene fare piangere i bambini

next
Articolo Successivo

Ballottaggi 2018, Toscana rossa addio: Pisa, Siena e Massa al centrodestra. Avellino e Imola al M5s. A Terni vince la Lega

next