Aveva usato il termine “negro” per  almeno due volte nel corso di una riunione di lavoro. Per questo Netflix ha costretto alle dimissioni il suo capo della comunicazione. L’uso della parola razzista e discriminatoria è costata il posto di lavoro a Jonathan Fiedland, che ha dato notizia del suo allontanamento.

“Lascio Netflix dopo 7 anni. I capi devono essere irreprensibili nel dare l’esempio e purtroppo non sono stato all’altezza quando sono stato insensibile parlando con il mio staff delle parole che possono essere offensive in una commedia“, ha scritto su Twitter.

I suoi commenti inappropriati e “sconsiderati” sono stati utilizzati nel corso di un incontro con il suo staff. “Mi sento male a pensare come il mio scivolone – ha spiegato – abbia causato stress alle persone che lavorano nella società, dove tutti si sentono inclusi”.

Con una comunicazione interna, il ceo di Netflix, Reed Hastings, ha salutato così il dirigente: “Jonathan ha dato un contributo in molte aree, ma il suo uso descrittivo della parola N (“negro”, appunto, ndr) in almeno due occasioni sul lavoro ha mostrato una consapevolezza razziale inaccettabilmente bassa e non in linea con i valori della nostra società”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da Homs a Torino, storia della famiglia Makawi: “Scappati dalla guerra, gestiamo il primo ristorante siriano della città”

next
Articolo Successivo

Milano, tavolata multietnica di quasi 3 chilometri con oltre 10mila persone: “L’accoglienza è irrinunciabile” – FOTO

next