L’ex sindaco Pd di Brindisi, Cosimo Consales, arrestato per tangenti nel febbraio 2016, è stato condannato per corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio alla pena di 4 anni e 4 mesi di reclusione a conclusione di un processo celebrato con rito abbreviato. L’imprenditore Luca Screti, che in più tranche – secondo l’accusa – gli avrebbe versato mazzette per 30mila euro per consentirgli di pagare un debito in contanti con Equitalia in cambio di facilitazioni nella gestione di un impianto di rifiuti, è stato condannato a 3 anni e 6 mesi.

Per Consales, il gup Tea Verderosa, che ha emesso la sentenza, ha anche disposto l’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici. L’accusa, rappresentata dal pm Giuseppe De Nozza, aveva chiesto 5 anni per l’ex primo cittadino. Consales e Screti furono arrestati nel 2016: il primo, che era in carica, fu posto ai domiciliari, l’altro in carcere. Eletto alle amministrative del 2012, Consales si era autosospeso dal Pd solo un anno dopo in seguito a un’inchiesta per concussionetruffa e abuso d’ufficio da cui era scaturito un procedimento per il quale è stato condannato in primo grado per il solo abuso d’ufficio.

Il 6 febbraio di due anni fa, gli agenti della Digos bussarono alla sua porta chiudendo l’esperienza amministrativa. Il sindaco si è sempre difeso parlando di un “contributo elettorale” e di una “stupidaggine fatta”. Invece Screti, nel corso dei suoi colloqui con i pm, ha ammesso di aver pagato “perché senza quell’appalto la sua ditta sarebbe andata incontro al fallimento.

Nel frattempo, come raccontato daIlfattoquotidiano.it, Consales è tornato a svolgere la sua professione di giornalista, svolta nei 35 anni precedenti la sua elezione, su svariate tv e testate, Telenorba Ansa le ultime. L’ex sindaco lavora per un sito, BrindisiTime.it, proprietà della sua compagna e di una delle sei persone che – per i pm – fece assumere dalla società Nubile.

La società Nubile di Screti, affidataria del servizio di gestione dei rifiuti finito sotto inchiesta, è stata ritenuta responsabile di un illecito amministrativo: dovrà pagare una sanzione di 270mila euro. Riconosciuto dal giudice di Brindisi il diritto delle parti civili ad essere risarcite: l’ammontare sarà stabilito in sede civile. Erano costituiti i Comuni di Brindisi, San Pietro Vernotico, San Donaci, Cellino San Marco, Mesagne, Cisternino e San Vito dei Normanni, la Regione Puglia, l’Agenzia regionale per la gestione dei rifiuti e Legambiente. La difesa dell’ex primo cittadino annuncia appello una volta depositate le motivazioni, previste tra 90 giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Strage di Bologna, i reperti furono distrutti nel 2004 per ordine dei giudici

next
Articolo Successivo

Stadio Roma, Lanzalone al gip: “Mai partecipato a vicenda”. Collaboratore di Parnasi: “Rappresentava il Campidoglio”

next