L’ex sindaco Pd di Brindisi, Cosimo Consales, arrestato per tangenti nel febbraio 2016, è stato condannato per corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio alla pena di 4 anni e 4 mesi di reclusione a conclusione di un processo celebrato con rito abbreviato. L’imprenditore Luca Screti, che in più tranche – secondo l’accusa – gli avrebbe versato mazzette per 30mila euro per consentirgli di pagare un debito in contanti con Equitalia in cambio di facilitazioni nella gestione di un impianto di rifiuti, è stato condannato a 3 anni e 6 mesi.

Per Consales, il gup Tea Verderosa, che ha emesso la sentenza, ha anche disposto l’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici. L’accusa, rappresentata dal pm Giuseppe De Nozza, aveva chiesto 5 anni per l’ex primo cittadino. Consales e Screti furono arrestati nel 2016: il primo, che era in carica, fu posto ai domiciliari, l’altro in carcere. Eletto alle amministrative del 2012, Consales si era autosospeso dal Pd solo un anno dopo in seguito a un’inchiesta per concussionetruffa e abuso d’ufficio da cui era scaturito un procedimento per il quale è stato condannato in primo grado per il solo abuso d’ufficio.

Il 6 febbraio di due anni fa, gli agenti della Digos bussarono alla sua porta chiudendo l’esperienza amministrativa. Il sindaco si è sempre difeso parlando di un “contributo elettorale” e di una “stupidaggine fatta”. Invece Screti, nel corso dei suoi colloqui con i pm, ha ammesso di aver pagato “perché senza quell’appalto la sua ditta sarebbe andata incontro al fallimento.

Nel frattempo, come raccontato daIlfattoquotidiano.it, Consales è tornato a svolgere la sua professione di giornalista, svolta nei 35 anni precedenti la sua elezione, su svariate tv e testate, Telenorba Ansa le ultime. L’ex sindaco lavora per un sito, BrindisiTime.it, proprietà della sua compagna e di una delle sei persone che – per i pm – fece assumere dalla società Nubile.

La società Nubile di Screti, affidataria del servizio di gestione dei rifiuti finito sotto inchiesta, è stata ritenuta responsabile di un illecito amministrativo: dovrà pagare una sanzione di 270mila euro. Riconosciuto dal giudice di Brindisi il diritto delle parti civili ad essere risarcite: l’ammontare sarà stabilito in sede civile. Erano costituiti i Comuni di Brindisi, San Pietro Vernotico, San Donaci, Cellino San Marco, Mesagne, Cisternino e San Vito dei Normanni, la Regione Puglia, l’Agenzia regionale per la gestione dei rifiuti e Legambiente. La difesa dell’ex primo cittadino annuncia appello una volta depositate le motivazioni, previste tra 90 giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Bologna, i reperti furono distrutti nel 2004 per ordine dei giudici

prev
Articolo Successivo

Stadio Roma, Lanzalone al gip: “Mai partecipato a vicenda”. Collaboratore di Parnasi: “Rappresentava il Campidoglio”

next