Palloni lanciati in campo, un rigore non dato, poi assegnato, infine tolto, e l’invasione dei tifosi prima del triplice fischio. Nella finale di ritorno dei playoff di Serie B il Frosinone allo Stirpe batte il Palermo 2-0, ribalta la sconfitta per 2-1 subita all’andata e conquista la promozione in Serie A. Almeno per ora, perché i rosanero hanno annunciato ricorso subito dopo: “Abbiamo incaricato i nostri legali di fare ricorso e di supportarlo con tutte le prove”, ha affermato il patron Maurizio Zamparini

Non è ancora chiaro per cosa i siciliani faranno ricorso. Zamparini nella sua dichiarazione ha fatto cenno all’episodio del calcio di rigore. E’ il 18′ quando Coronado viene atterrato da Brighenti: l’arbitro La Penna prima decide per la punizione, poi concede il tiro dal dischetto su indicazione del guardalinee, infine cambia di nuovo idea e conferma il calcio da fermo dal limite. “Credo l’arbitro abbia cambiato la decisione sul rigore perché assediato e intimidito da tutta la squadra avversaria a tal punto da non sanzionare con un cartellino rosso chi ha dato una testata davanti a lui a Nestorovski“, dice Zamparini.

Ma difficile possa essere accolto un ricorso su questo punto. Molto più al limite invece l’invasione di campo dei tifosi del Frosinone, dopo il gol del 2-0 di Ciano segnato al 96′. In quel momento l’arbitro non aveva ancora fischiato la fine del match, spiega La Gazzetta dello Sport, e non è chiaro se lo abbia fatto subito dopo. Tanto che appena terminata la partita, ai microfoni di Sky, il presidente del Palermo Giammarva ha detto: “Abbiamo preparato la riserva contro l’omologa del risultato, sicuramente presenteremo ricorso”.

L’altro episodio dubbio è stato ripreso dalle telecamere dell’emittente satellitare durante i minuti di recupero. Si vedono i giocatori della panchina del Frosinone lanciare in campo un pallone mentre è in corso l’azione, in modo da interrompere il gioco. Il sito sportivo Mediagol sottolinea come ci sia nel Regolamento FIGC, all’articolo 17, un comma che sanziona questo tipo di condotta. E ricorda il precedente di un Bari-Latina del campionato Primavera 2015, quando i pugliesi furono penalizzati con la sconfitta a tavolino per “la particolare gravità del comportamento dei raccattapalle“.

La partita, sbloccata al 52′ da un gol dalla distanza di Maiello, è stata segnata dal nervosismo: 9 i cartellini gialli coi rosanero in inferiorità numerica dal 63′ per l’espulsione di Dawidowicz. Per il Frosinone è la gara della vita: i ciociari raggiungono Empoli e Parma in Serie A dopo la clamorosa beffa della regular season e il secondo posto perso per il pareggio all’ultimo secondo contro il Foggia. Ma prima di festeggiare definitivamente, bisognerà aspettare l’esito del ricorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tavecchio, Guardian: “Molestie sessuali, chiesta archiviazione per ex capo Figc. Vittima ‘troppo vecchia per impaurirsi'”

next
Articolo Successivo

Sergio Gonella morto, fu l’arbitro della finale del Mondiale del ’78 in Argentina

next