Piante grasse, armature storiche, cimeli del Risorgimento, ma anche DVD. Una collezione di oggetti, ancora meglio se di valore, può impreziosire una casa non solo dal punto di vista estetico, ma anche da quello economico. Immobiliare.it ha scovato tra i suoi annunci ville e appartamenti in vendita e in affitto in tutta Italia che contengono collezioni uniche e singolari.

La vista mare e un giardino di 400 metri quadri, per esempio, finiscono quasi in secondo piano in confronto alla ricca collezione di piante grasse parte integrante di questo quadrilocale a Sanremo. Poco più in là, a Ventimiglia, questo appartamento comprende un giardino botanico risalente a inizio ‘900, con piante di vario genere tra cui una raccolta di cinquanta specie di aloe.

Ci spostiamo in Toscana, a Mugello, per una villa appartenuta ad antichi casati nobili: oltre ad un ampio parco con piscina e campo da tennis, comprende anche tappeti, arazzi e una collezioni di armi e armature storiche che contribuiscono a far lievitare il prezzo (2 milioni e mezzo di euro). Stesso valore per un castello in posizione panoramica in provincia di Cuneo: nel pacchetto ci sono anche una serie di cimeli militari risalenti al periodo del Risorgimento.

Per gli appassionati di arte, invece, ci sono due case disponibili nella Capitale. La prima è un attico con all’interno alcuni pezzi d’arte africana collezionati nel tempo dagli attuali proprietari. La seconda è un monolocale in affitto che include alcune opere dell’artista Gio Ponti. Ma il viaggio attraverso i tesori nascosti negli immobili sul mercato non finisce a Roma. A Pavia, ad esempio, il Castello di Casa Bianca custodisce una preziosa raccolta di fossili. A Fubine, in provincia di Alessandria, c’è invece una tenuta con una collezione di ben 45mila bottiglie (soprattutto di Nebbiolo e Barbera) prodotte negli anni ’70 e ’80. Infine, i DVD. Forse passati di moda, eppure ottimi pezzi da collezione: in questa casa in affitto a Milano c’è un’intera raccolta che farà venire l’acquolina in bocca ai cinefili un po’ nostalgici.