M5s e Lega? Col tempo emergeranno le loro evidenti contraddizioni”. Sono le parole del filosofo Massimo Cacciari, ospite di Dimartedì, su La7. L’ex sindaco di Venezia elenca i nodi focali sui quali è lapalissiana la distanza tra Lega e M5s: “Sulla giustizia difficilmente Salvini potrà clamorosamente rompere con Forza Italia. In materia di lavori pubblici, le posizioni di Lega e 5 Stelle sono esattamente opposte. Un altro problema è combinare i pilastri dei rispettivi programmi, e cioè il reddito di cittadinanza e la riduzione consistente delle imposte, cose che insieme non ci stanno, oltre a simbolizzare due prospettive politiche assolutamente divergenti” – continua – “La flat tax è propria della destra, il reddito di cittadinanza è proprio di una sinistra di movimento. Il governo Conte è fatto da due contraenti che per storia e tradizioni politiche sono molto diversi. Credo che possano trovare la sintesi, con buona pace degli amici de Il Fatto Quotidiano e di Andrea Scanzi, su una base di pura destra. E’ Salvini il politico, è Salvini che ha il partito”. E spiega: “La struttura, il partito, la politica è di Salvini. E parlo anche di politica radicata in Europa. Salvini ha detto: ‘Lavoreremo con Orban‘. Lui può lavorare bene con tutte le destre che si affacciano nell’Europa dell’Est. La forza ce l’ha lui. Io tremo di fronte a questo, è un pericolo secondo me, perché ho sempre detto, anche in tempi non sospetti, che il M5s ha fatto da argine a una possibile deriva di destra in questo Paese. Ora questo argine minaccia di crollare. E noi potremmo essere il primo Paese in Europa con un partito di destra di massa”. Cacciari ribadisce le differenze tra Lega e M5s: “Si sono presentati in campagna elettorale insultandosi. Tutti abbiamo sentito cosa dicevano i 5 Stelle di Salvini durante la campagna elettorale”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Governo, Scanzi: “Salvini è il politico più scafato. Dipende tutto da Di Maio, M5s rischia di essere fagocitato dalla Lega”

next