Una storia dove la cronaca di una Libia in guerra fa da sottofondo alla testimonianza in prima persona di un infiltrato nelle milizie dello Stato Islamico. Un racconto in soggettiva, fatto attraverso l’esperienza dagli insider protagonisti del doc, ma anche da Luigi Pelazza, regista in campo e al tempo stesso narratore della storia. È la docu-serie “Il mio nemico”, in onda per tre settimane dal 3  giugno su Sky Atlantic HD, ogni domenica alle 23.15 e disponibile su Sky On Demand, all’interno del ciclo de “Il racconto del reale”. Prodotta da Showlab, la docu-serie di Luigi Pelazza è un narrazione embedded degli scontri tra i terroristi islamici e il governo regolare libico, che nel luglio 2017 hanno portato alla liberazione della città di Bengasi, in Cirenaica, dopo tre anni di combattimenti. Ma è anche il racconto di come dall’Europa sia possibile unirsi all’Isis come combattente. Più di due anni vissuti pericolosamente dai due protagonisti, gli “insider” che Luigi Pelazza ha infiltrato prima negli ambienti radicalizzati in Italia e Tunisia e poi in una cellula dell’Isis attiva in Libia. Una missione compiuta a rischio della vita

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trento, aereo da turismo precipita sulle Dolomiti: morto il pilota, grave l’allieva

prev
Articolo Successivo

Venezia, nuovo blitz anti-tornelli. Attivisti dei centri sociali vestiti da steward: “Non siamo a Disneyland”

next