Una storia dove la cronaca di una Libia in guerra fa da sottofondo alla testimonianza in prima persona di un infiltrato nelle milizie dello Stato Islamico. Un racconto in soggettiva, fatto attraverso l’esperienza dagli insider protagonisti del doc, ma anche da Luigi Pelazza, regista in campo e al tempo stesso narratore della storia. È la docu-serie “Il mio nemico”, in onda per tre settimane dal 3  giugno su Sky Atlantic HD, ogni domenica alle 23.15 e disponibile su Sky On Demand, all’interno del ciclo de “Il racconto del reale”. Prodotta da Showlab, la docu-serie di Luigi Pelazza è un narrazione embedded degli scontri tra i terroristi islamici e il governo regolare libico, che nel luglio 2017 hanno portato alla liberazione della città di Bengasi, in Cirenaica, dopo tre anni di combattimenti. Ma è anche il racconto di come dall’Europa sia possibile unirsi all’Isis come combattente. Più di due anni vissuti pericolosamente dai due protagonisti, gli “insider” che Luigi Pelazza ha infiltrato prima negli ambienti radicalizzati in Italia e Tunisia e poi in una cellula dell’Isis attiva in Libia. Una missione compiuta a rischio della vita