Mattarella manda alle camere un governo che la maggioranza non ce l’ha. Il nostro invece lo aveva. Ecco la cosa grave. Si prende una grossa responsabilità. Sono stato un profondo estimatore di Mattarella ma questa cosa è inconcepibile: era premeditato far fallire il tentativo nostro è della Lega”. Lo ha detto a Fiumicino Luigi di Maio, acclamato più volte tra cori ‘Onestà onestà !”, dove si sta tenendo un comizio in città, davanti a centinaia di persone, a sostegno della candidata sindaco di Fiumicino Fabiola Velli.

“L’establishment, che tremava, non ci voleva al Governo. Mattarella si è reso complice di questo establishment. Io voglio tornare a votare ma se decidono le agenzie di rating allora si abbia coraggio di togliere il diritto di voto. E’ tutto inutile in questo modo. Portando con responsabilità la crisi in Parlamento si toglie spazio a qualsiasi azione fuori Parlamento. Saremo sempre più forti. Non ho tradito io la Costituzione, l’ha tradita qualcun altro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carlo Cottarelli, l’ex mister spending review tra Gobetti e Jovanotti. “Prima i conti in sicurezza, poi giù le tasse”

prev
Articolo Successivo

Di Maio, sul palco con Di Battista: “Ora la Lega non può tirarsi indietro su impeachment al Presidente”

next