Portava in grembo il suo secondo figlio Marzia Mocera, 31 anni, quando ha scoperto di avere la leucemia in stadio avanzato. Una malattia che, se curata con la terapia salvavita classica, può causare gravi malformazioni al feto. Ma la donna – grazie all’aiuto dei medici e a tanta tenacia – quella gravidanza è riuscita a portarla a termine. E a dare alla luce Andrea. Il piccolo è nato il 23 aprile al Policlinico di Palermo in piena salute. Come? Con un trattamento “chemo-free” finora mai utilizzato in Italia. Cioè senza la chemioterapia. “Un risultato eccezionale”, ha dichiarato Sergio Siragusa, docente di Ematologia e direttore del reparto nell’ospedale palermitano, “che apre la strada a un nuovo modo di affrontare i tumori nell’ambito ematologico. Stiamo trasformando queste patologie in tumori cronici, sempre più guaribili e curabili”, spiega Siragusa. “E da oggi vale anche per le donne in dolce attesa”.

La lotta di Marzia Mocera è iniziata quando, al sesto mese di gravidanza, è andata al Policlinico a causa di alcune piccole “emorragie puntiformi” comparse sulle sue gambe e poi diffuse su tutto il corpo. I medici, dopo le opportune verifiche e un consulto con i colleghi di Ematologia, le hanno diagnosticato la leucemia. Ed è qui che è stata presa la decisione di procedere con una terapia innovativa, mai sperimentata in Italia su una donna in così precoce stato di gravidanza. Come riporta Repubblica.it, infatti, il trattamento tradizionale prevede l’utilizzo di due farmaci, di cui uno, il triossido di arsenico, è potenzialmente tossico per il feto e può portare all’aborto. Perciò, i medici le hanno somministrato una “monoterapia chemo-free”, più lieve di quella classica, che ha permesso di portare a termine la gravidanza. E di salvare la vita al bambino e alla giovane mamma.

“La paziente è andata avanti con coraggio e determinazione”, racconta Renato Venezia, docente di Ginecologia. “È stata sottoposta a stretto monitoraggio ostetrico con controlli ecografici ogni 15 giorni”. Poi, arrivata senza complicanze ostetriche alla 35,4 settimana, si è deciso di procedere al taglio cesareo. Il piccolo è venuto alla luce in perfette condizioni di salute. Ora Marzia Mocera dovrà continuare a lottare contro la leucemia, ma il suo caso, dicono i medici, potrà essere d’aiuto in futuro ad altre mamme nella sua stessa situazione.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alzheimer, “scoperto il ruolo chiave del colesterolo nel cervello”

next
Articolo Successivo

Via Lattea, scoperte due stelle “intruse”: sono velocissime e forse arrivano da un’altra galassia

next