“Da oltre 60 giorni chiedo alle forze politiche di firmare un contratto di governo per risolvere i problemi degli italiani. Ci abbiamo provato in tutti i modi. Nessuno si è seduto al tavolo in 65 giorni”. Esordisce così il leader del M5s, Luigi Di Maio, a Dimartedì (La7) nel commentare il bilancio degli ultimi due mesi post-elettorali. “Questi 65 giorni” – continua – “sono i giorni della verità, gli italiani capiscono perché i partiti stanno finendo. Questa gente se ne frega altamente degli italiani. Noi del M5S le abbiamo provate tutte quante. Non è che sono arrivato il 5 marzo e ho detto che dovete far governare noi o ci arrabbiamo. Ma ho detto: ‘Dialoghiamo’. Sono andato da Salvini e gli ho detto solo che non poteva chiedermi di fare il governo del cambiamento con Berlusconi. Se il problema sono io, gli ho detto settimane fa, faccio 100 passi indietro”. Poi ricorre a una metafora calcistica: “Abbiamo fatto i tempi regolamentari, il recupero, i supplementari e i rigori. E siamo sempre 0-0. Adesso si deve tornare a votare. La verità è che se Berlusconi avesse avuto i numeri con Renzi, avrebbe mollato Salvini cinque minuti dopo le elezioni del 4 marzo. Noi con la Lega nel programma avevamo punti in comune, come l’abolizione della legge Fornero e gli aiuti agli imprenditori oberati dalle tasse. Non hanno voluto fare alcun accordo. Ora se ci sono delle novità, devono andare dal presidente della Repubblica e spiegargliele per filo e per segno. Se c’è una persona cui stiamo minando la pazienza è il presidente della Repubblica Mattarella. Non credo sia il caso di andare avanti con le pantomime”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fi, Biancofiore: “Elezioni in estate? Da brividi. Al Sud non si possono permettere le vacanze e quindi vincerebbe il M5s”

prev
Articolo Successivo

M5s, Gene Gnocchi e la squadra di candidati ministri: “Che fine hanno fatto? Sono come i Jalisse…”

next