In occasione della celebrazione dello Star Wars Day che ricade come ogni anno il 4 maggio, spinto dal gioco di parole “May the fourth be with you“, Disney e Lenovo hanno annunciato un nuovo aggiornamento per Star Wars: Jedi Challenges, il gioco in realtà aumentata dedicato all’universo di Guerre Stellari, che rende disponibile la modalità multiplayer Lightsaber Versus.

Richiestissima dagli appassionati, la nuova modalità permetterà a due giocatori, ciascuno dotato del proprio kit Star Wars: Jedi Challenges (visore Lenovo Mirage AR+ controller/spada laser), di affrontarsi l’uno contro l’altro in un duello con spade laser in realtà aumentata, accrescendo notevolmente le ore di gioco a disposizione. Con Lightsaber Versus le modalità di gioco a disposizione salgono a 4, rendendo sicuramente il visore di Lenovo molto più appetibile.

Il kit Star Wars: Jedi Challenges, necessario per poter giocare al titolo, è disponibile in Italia con un prezzo di 199€. Per maggiori approfondimenti sul visore e sulle modalità di gioco in single player vi rimandiamo all’articolo sulla nostra recente prova.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Star Wars Jedi Challenges, la nostra prova del visore che porta in salotto i combattimenti con spade laser

prev
Articolo Successivo

Truffa banche online, chi ha svuotato i conti correnti ha mostrato a cosa serve la Pec

next