Giuliano Ferrara anche oggi ci ricorda che a prevalere sono sempre i cretini. Lui, che è intelligente, conta le sconfitte dei suoi simili. Il primo tra tutti è Matteo Renzi. È così intelligente ma così intelligente, e moderno ma così moderno, e riformista ma così riformista. È così tanto avanti, troppo avanti, da lasciare il popolo, in prevalenza piuttosto cretino, in debito d’ossigeno.

Nell’ipotesi esposta (pochi intelligenti devono confrontarsi vedersi sconfitti dai cretini, che sono molti di più) si trova certamente anche Luciano D’Alfonso, che non solo è renziano, quindi intelligente per partito preso, ma anche governatore d’Abruzzo e senatore. Ha spiegato che temporaneamente cumula le due cariche, per legge vietate, nel solco tracciato da Mazzini e Garibaldi.

Chiunque di voi converrà che i due eroi avevano un’intelligenza fuori dal comune. Il problema, ritornando a Ferrara, è che i cretini d’Abruzzo, molto più numerosi, vorrebbero che D’Alfonso rinunciasse all’una o all’altra poltrona, avesse la legge sopra di sé e non la mettesse, nell’attesa, sotto il suo culo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini, il Matteo miracoloso con la ruspa per cambiare il mondo (e la legge elettorale)

next
Articolo Successivo

Raid Casamonica, nel mondo capovolto a meravigliare è la resistenza della ragazza disabile al sopruso

next