Il tycoon e famoso playboy britannico Jody Sanders sta percorrendo le strade di Maiorca in compagnia di due ragazze in bikini. Dopo aver sbagliato strada, Sanders decide di fare inversione ad U in mezzo a ristoranti e negozi. Pochi istanti e la sua Rolls Royce Dawn Coupé da 300.000 euro si infrange contro la vetrina di una tabaccheria (nel video lo schianto ripreso dalle telecamere interne). Testimoni presenti sul posto dichiarano di averlo visto “sfrecciare con le due ragazze prima dell’arrivo della polizia”. L’auto distrutta è stata trovata abbandonata e si trova ora in un deposito giudiziario, ma dei tre a bordo nessuna traccia. La Guardia Civil ha dichiarato che i documenti a bordo dell’auto non corrispondono alla targa e che Sanders dovrà risponderne una volta rintracciato

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il tifoso ha il divieto di entrare allo stadio. Ecco cosa si è inventato per aggirare il daspo e vedersi la partita

next
Articolo Successivo

Quando in ufficio la noia diventa una forma d’arte. E le smorfie di questo redattore fanno il giro della rete

next