“Stupratore di bambine”. È la frase apparsa domenica sotto la statua dedicata a Indro Montanelli nei giardini di Piazza Venezia a Milano, intitolati proprio al giornalista scomparso nel 2001, fondatore del Giornale e de La Voce. La scritta è stata attaccata al piedistallo da un gruppo di femministe di ispirazione Lgbt, le ‘Indecorose’, e fa riferimento alle violenze commesse dagli italiani in Eritrea nel periodo in cui Montanelli era sottotenente e al suo matrimonio con una dodicenne abissina che il giornalista aveva riferito di aver “comprato assieme a un cavallo e un fucile, tutto a 500 lire”, come affermato da lui stesso in un’intervista rilasciata a Enzo Biagi.

Durante la loro azione le manifestanti, che definiscono il grande inviato “un fascista, un revisionista, un conservatore e un colonialista“, hanno anche esposto un’opera spray su tela in cotone che fonde una figura di ragazza con il cartello “vendesi”, in un intreccio di parole che restituisce “violentasi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ramelli, oltre 1000 neofascisti a Milano per ricordare il militante di estrema destra: saluti romani e fiori davanti alla lapide

next
Articolo Successivo

Parma, cacciata dall’università perché allatta il figlio. L’ateneo: “Faremo i dovuti accertamenti”

next