Il giorno delle nuove consultazioni del Presidente della Camera Roberto Fico, si aprono con le dichiarazioni di Danilo Toninelli all’ingresso di Montecitorio. La Base M5S rumoreggia contro un accordo con il PD? “Non sono d’accordo. Stiamo facendo esattamente quello che diciamo da prima della campagna elettorale: cioè un appello a tutte le forze politiche nel caso in cui non avessimo avuto il 51%. Il contratto – spiega il capogruppo pentastellato di palazzo Madama – non porta ad un alleanza ma ad un accordo programmatico”.

Contrario all’accordo con il M5S è il Ministro dello Sviluppo Economico e iscritto dem, Carlo Calenda, che prima liquida il ‘sondaggio’ in piazza effettuato da Renzi a Firenze nel corso della giornata di ieri come “un divertissement”, poi manifesta la sua preferenza per un governo tecnico “che affronti la finanziaria” e poi ribadisce la sua contrarietà ad un accordo con i pentastellati: “La proposta di questa alleanza arriva nel più disordinato dei modi, prima vanno dalla Lega, poi dal Pd. Penso il governo con i 5 Stelle alla fine il programma lo deciderebbero Grillo e Casaleggio e credo che per il Pd non sia accettabile”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Martina dopo il secondo incontro con Fico: “Passi avanti ma su confronto decideremo in direzione il 3 Maggio”

prev
Articolo Successivo

Consultazioni, l’ironia di Salvini: “Oggi è la festa di Renzi e Di Maio, non voglio portar via la gloria a Pd e M5s”

next