“Secondo me bisognerebbe fare tre giorni di parlamento e 362 di Vinitaly”. Il giudizio è quello espresso da Gene Gnocchi nella sua copertina a DiMartedì su La7. “E infatti”, continua, “ecco cosa è successo: la Casellati è entrata sobria ed è uscita con il mandato esplorativo. La Meloni è entrata razzista ed è uscita con un Nero D’Avola. Pietro Grasso è entrato e uscito e non se ne è accorto nessuno. E poi guarda come sono usciti Di Maio e Salvini…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Travaglio: “Pd? C’è segnale di apertura al M5s”. Molinari concorda, Fusani no: “Non capisco l’entusiasmo”

next
Articolo Successivo

Lavoro, Toscani vs Fana: “Tempo indeterminato? E’ roba da mentalità vecchia. Giovani italiani viziati”

next