Andavano al casinò, in osteria o a fare shopping in orario di lavoro: l’ennesimo gruppetto di “furbetti del cartellino” è stato scoperto dai Carabinieri che hanno notificato a 14 dipendenti della Regione Friuli Venezia Giulia, distaccati nella sede di Gorizia, l’avviso di conclusione indagini: devono rispondere di truffa ai danni di ente pubblico e false attestazioni di presenza. L’indagine risale al 2016 e sei persone erano già state raggiunte la scorsa estate da provvedimenti cautelari di interdizione assoluta per 8 mesi dall’esercizio dei pubblici uffici. La visione di centinaia di ore di immagini delle telecamere e le testimonianze incrociate dei dipendenti rimasti “fedeli”, hanno permesso di accertare ora le responsabilità di ulteriori otto indagati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grosseto, passa la mozione per intitolare due strade ad Almirante e Berlinguer. Anpi contro il sindaco di centrodestra

next
Articolo Successivo

Bari, fermato con tangente da 3.000 euro: arrestato in flagrante dirigente del Policlinico

next