La base iraniana di Jabal Azzan, a sud di Aleppo, è stata colpita da un attacco aereo. Esplosioni che hanno causato la morte di almeno 20 persone, tra cui ci sono anche militari di Teheran. La notizia arriva dai media turchi ed è stata anche ripresa dall’agenzia russa Tass, ma non è chiaro se sia trattato di un’esplosione accidentale in un deposito di armi o se vi sia stato un attacco aereo. A propendere per la prima ipotesi è Hezbollah, che parla di uno scoppio accidentale e anche per il direttore dell’Osservatorio siriano sui diritti umani (Ondus), Rami Abdel Rahman, non è chiara la natura dell’esplosione. La notizia per ora non trova conferme indipendenti, ma alcuni media siriani parlano già apertamente di un raid aereo israeliano, come quello attribuito a Israele della scorsa settimana contro la base aerea di Tayfur (o T4), fra Homs e Palmira, che ha provocato la morte di 24 iraniani. L’episodio avviene a meno di 24 ore dall’attacco missilistico congiunto di Usa, Gran Bretagna e Francia contro l’arsenale chimico siriano.

(foto d’archivio)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, la nuova guerra fredda è un risiko su Damasco: dagli Usa a Putin, da Israele all’Iran, interessi e protagonisti in campo

prev
Articolo Successivo

L’auto in panne è ferma in mezzo all’autostrada, e non tutti frenano in tempo. Paura sulla I-110

next