Compravendite in aumento, ma i prezzi delle case continuano a calare. È quanto emerge dall’analisi dell’Osservatorio di Immobiliare.it sull’andamento del mercato nel primo trimestre del 2018.

A livello nazionale i valori sono scesi dello 0,2%: è il Sud l’area più in sofferenza con i prezzi in calo dello 0,5%, mentre al Centro si è registrato un -0,3%. Sorride solo il Nord, dove il calo sembra essersi arrestato. In media i prezzi degli immobili sono più alti al Centro: 2.275 euro al metro quadro contro i 1.918 del Nord e i 1.583 del Sud (media nazionale pari a 1.895 euro/mq).

Ma i valori delle abitazioni salgono se si considerano soltanto le grandi città: +0,3% per i capoluoghi con più di 250mila abitanti, -0,7% per i capoluoghi con meno di 250mila abitanti. Un dato che ha come conseguenza l’ampliamento della forbice dei prezzi medi tra grandi e piccoli centri: 2.547 euro/mq contro 1.643.

L’Osservatorio si sofferma poi sull’andamento del mercato nei capoluoghi di regione. E qui il quadro è positivo: a Venezia, Firenze e Bologna la risalita dei prezzi rappresenta un trend consolidato. Più 1,7% nei primi tre mesi del 2018 per le case della Laguna (2.861 euro/mq il prezzo medio), +1,6% nel capoluogo toscano, che con i suoi 3.580 euro/mq rimane la città più cara in assoluto, +1,5% invece a Bologna dove il costo medio di una casa si attesta sui 2.697 euro/mq. A Milano l’aumento è invece dello 0,6%, con il definitivo sorpasso sui costi del mattone rispetto a Roma (-0,2%): 3.224 euro/mq la richiesta media nella Capitale contro i 3.256 del capoluogo meneghino. Altre città che hanno fatto registrare oscillazioni in positivo sono Napoli (+0,3%), Trento (+0,6%), Aosta (+0,7%) e Trieste (+0,8%). Calano invece i prezzi delle case a Campobasso (-1,9%), Genova (-1,1%) e Torino (-1%).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Impatto delle auto senza pilota sul mercato immobiliare

prev
Articolo Successivo

La casa da sogno ha il terrazzo o il giardino

next