Ridurre i consumi collegati alla propria casa potenziando l’efficienza in un’ottica di risparmio energetico. Migliorare il comfort abitativo con un approccio più sostenibile che permetta di diminuire le spese. Ecco alcuni dei buoni propositi che negli ultimi anni sentiamo ripetere sempre più spesso dagli esperti del settore.

Ma come fare, nel concreto, a mettere in pratica questi utili suggerimenti? E’ proprio da questo crescente bisogno che di recente è nata una guida che si propone di aiutare i cittadini nella gestione delle spese nel proprio ambito domestico.

Arriva il vademecum su misura

“Guida pratica per migliorare il comfort e risparmiare”, ecco il nome di questa interessante iniziativa realizzata da Mce (Mostra Convegno Expocomfort) in stretta collaborazione con il Politecnico di Milano, che si prefigge in modo semplice di fornire le principali linee guida per migliorare le performance del proprio spazio domestico. I temi approfonditi in questa guida non riguardano solamente l’ambito tecnologico ma anche gli incentivi esistenti e le specifiche leggi che regolano il comparto.

Come riporta Immobiliare.it, la prima cosa da fare per riuscire a massimizzare il comfort abitativo è capire la situazione dell’immobile e, subito dopo, si potrà cominciare a programmare gli eventuali interventi. Un occhio di riguardo va riservato al controllo dei consumi: secondo i dati nelle case si spreca in media il 35% dell’energia. Si tratta di numeri impressionanti che fanno emergere con chiarezza la necessità di avere maggiori attenzioni e che, in molti casi, non richiedono budget aggiuntivi. Un buon approccio per cominciare sarebbe quello di fare una diagnosi energetica della propria casa, affidandosi a società che si occupano di questo tipo di servizi. Attraverso l’analisi di bollette e rilievi economici è possibile individuare le soluzioni migliori per risparmiare sui costi di gestione di uno stabile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mercato immobiliare: giù i prezzi nei primi tre mesi del 2018

next
Articolo Successivo

Resimercial Design: uffici ridisegnati per sentirsi a casa

next