Spartizione M5s-Lega anche sulla presidenza della commissione speciale alla Camera? Più che altro è un segnale che, al di là delle schermaglie pubbliche, l’asse Lega-5 Stelle tiene”. A scagliarsi contro l’accordo tra centrodestra e grillini è il ministro Andrea Orlando (Pd) – così come il resto del partito, renziani su tutti – , in merito alla sempre più vicina elezione del leghista Giancarlo Giorgetti alla guida della commissione di Montecitorio (il voto è previsto giovedì, ndr). In pratica, un bis di quanto avvenuto già al Senato, dove l’intesa centrodestra-M5s portò all’elezione del grillino Vito Crimi, con i dem esclusi dalla partita.”La prassi, sempre rispettata in passato voleva che il presidente della commissione Bilancio uscente guidasse la commissione speciale. Prendiamo atto che non sarà così”, ha rivendicato Francesco Boccia (Pd), la cui “candidatura” è di fatto tramontata in seguito all’intesa tra leghisti e pentastellati.
“M5s e Lega hanno fatto una corsa alle poltrone, ma io resto convinto che il Pd, al di là della volontà dei 5 Stelle stessi, dovrebbe dialogare con i grillini. Non si può mettere la testa sotto la sabbia. Il Pd può “scongelarsi” nel caso il Colle proponga un governo del presidente? Io spero che il Pd sia scongelato ogni giorno, altrimenti i partiti congelati rischiano di essere scoperti qualche millennio dopo”, ha ironizzato il deputato vicino al presidente della regione Puglia Michele Emiliano. Per poi concludere: “Anche da minoranza si può essere all’altezza di sfide così importanti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pomicino vs Barbacetto: “Prima Repubblica era cosa seria”. “Di giorno facevate i governi, di notte vi spartivate tangenti”

next
Articolo Successivo

Governo, Malan (Fi): “Di Maio? Scortese con Salvini. Nel M5s solo idee confuse e parolacce”. E difende Berlusconi

next