Una diffida a lasciare entro 30 giorni il Palagiustizia di via Nazariantz a Bari è stata notificata dall’Inail, proprietario dell’immobile, al ministero della Giustizia, moroso da tre anni del canone di locazione.

La diffida risale allo scorso 28 marzo ed è l’ultimo atto di una contesa avviata più di un anno fa con numerose messe in mora alle quali via Arenula, secondo quanto scrive l’Ansa, non ha ottemperato. Da quando, nel 2015, la competenza degli uffici giudiziari è passata dal Comune al Governo, il Ministero non ha mai pagato l’affitto. Il debito ammonta a 4 milioni.

Fino ad alcuni mesi fa, l’Inail ha agito con messe in mora per ottenere i crediti vantati. Il 28 marzo, poi, la direzione generale dell’ente ha proceduto a una diffida, un invito cioè al rilascio dell’immobile entro 30 giorni qualora non venisse sanata la situazione di morosità e che potrebbe preludere a una procedura di sfratto. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, studentessa si lancia dal tetto dell’università nel giorno della laurea

prev
Articolo Successivo

Vibo Valentia, un morto e un ferito per scoppio auto: ipotesi bomba. In passato liti con parenti della ‘ndrina Mancuso

next