“Un agnello in tenera età è stato legato sotto l’altare del Santuario di Santa Maria di Cotrino a Latiano. Gli animali non sono merce in esposizione. In una festa in cui si dovrebbe celebrare la resurrezione e la vita, questo comportamento è quanto di più lontano si possa immaginare dallo spirito della Pasqua”. Così Rinaldo Sidoli, esponente del Movimento Animalista, su facebook commenta un breve video che documenta la scena: “Dov’è la compassione – si legge ancora -, la pietà, l’amore e il rispetto per una creatura del Signore? Lasciare un cucciolo che piange come forma di spettacolarizzazione è maltrattamento di animale. Non è un oggetto, ma un essere senziente, che come noi, soffre e prova emozioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porto Recanati, trovate altre 30 ossa: “Secondo corpo forse è di un bambino”

next
Articolo Successivo

Milano, incendiato ingresso del circolo Pd di Barona. “Non ci lasciamo intimidire”

next