“Ci spiace che il Pd non abbia risposto al nostro appello che erano tutt’altro che incontri anticipatori delle consultazioni di Mattarella, qui si parlava di temi”. Così Danilo Toninelli al termine degli incontri tra capigruppo proposti dal M5s.  Toninelli precisa di aver incontrato Lega, Forza Italia e Leu: “Incontri costruttivi, si è parlato di temi, gli altri hanno apprezzato la nostra iniziativa di ‘parlamentarizzazione’ questi incontri. Quando metti intorno a un tavolo le diverse forze politiche – spiega Toninelli – può capitare che forza politiche completamente distanti, possono dialogare. C’è stata condivisione sul tema della lotta alla povertà”. Anche con Forza Italia? “Immagino che su una seria lotta senza quartiere alla grande evasione e una serie legge sul conflitto d’interesse vedo un dialogo difficile, ma non siamo entrati nello specifico dei temi, sono però contento delle aperture di Salvini e di Giorgetti sul reddito di cittadinanza”. E la Lega che propone la Flat Tax, possibile convergere per il M5s? “Se è costituzionale e include anche i poveri non chiudiamo”. Poi Toninelli su un punto dimostra che il M5s non tratterà: “Abbiamo preso così tanti voti, anche perché Di Maio è il miglior candidato premier che ci sia”. Toninelli, infine conclude chiarendo che se ci saranno incontri tra i leader, ci saranno porte sbarrate a Berlusconi: “Salvini è il candidato premier del centrodestra e incontreremo solo lui”