“In Parlamento è entrata l’emotività, l’emozione. Mi chiama gente in lacrime”. Consumato l’accordo tra M5s e centrodestra per le presidenze delle Camere, con l’elezione l’ultra-berlusconiana Casellati (chi è? leggi l’articolo) a Palazzo Madama e il pentastellato Fico (chi è? leggi l’articolo) a Montecitorio, a metterci un po’ di poesia ci pensa il padre del Movimento, Beppe Grillo. Che a domande sulla Lega di Salvini e sulla possibile alleanza di governo con quel centrodestra avversato per anni non risponde: “E’ post politica, post cronaca. Di questo si occupano questi ragazzi straordinari. Come Luigi, che in questi anni ha subito una pressione straordinaria e ne è uscito alla grandissima da grande politico”. Nemmeno ricordare che a dire “mai con la Lega” era stato lo stesso neoeletto presidente della Camera serve a molto. Grillo è già parecchio oltre, una trentina d’anni almeno: “Adesso bisogna riprogettare le città per il futuro”. Parla di mobilità, di energia, dei pannelli solari a Brooklyn. E su Roberto Fico non ha altro da dire se non “ci siamo sentiti e ci siamo detti che ci vogliamo bene”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, la strategia che ha portato alla Camera fa sognare il governo: ‘Siamo ago della bilancia che si muove su 2 fronti’

next
Articolo Successivo

Casellati, i renziani incazzosi e il Grillusconi che non c’è

next