Generali offre copertura assicurativa a centrali e miniere di carbone, e finanzia perfino alcuni dei più inquinanti impianti d’Europa, tra i principali responsabili dei cambiamenti climatici“. È questa l’accusa lanciata da Greenpeace al colosso italiano delle assicurazioni. Per questo motivo i volontari dell’associazione ambientalista hanno organizzato dei sit-in in prossimità di alcune agenzie del gruppo, distribuendo ai passanti una finta polizza con cui Generali “assicura” i cambiamenti climatici.

“Generali ha recentemente annunciato una ‘strategia sul cambiamento climatico‘, eppure intende continuare ad assicurare ed investire in alcuni degli impianti più impattanti del Continente, i cui drammatici effetti arrivano fin dentro casa nostra”, dichiara Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. “Se Generali vuole essere ambiziosa nella lotta ai cambiamenti climatici deve immediatamente abbandonare gli investimenti nel carbone, senza alcuna eccezione, e terminare anche la copertura assicurativa di centrali e miniere, a cominciare dai contratti attualmente in vigore ma in procinto di scadere”.

Il Leone di Trieste, insieme ad altre compagnie assicurative come Allianz e Munich RE, è infatti tra i principali investitori ed assicuratori del carbone in Polonia, un settore dagli impatti ambientali e sanitari devastanti, responsabile di 5830 morti premature stimate ogni anno in Europa. Tra i progetti finanziati ed assicurati da Generali ci sono, ad esempio, il secondo impianto più grande d’Europa (Kozienice), una miniera di lignite a cielo aperto che inquina l’acqua di oltre 30mila persone e che rimarrà aperta fino al 2044 (Turow), e il raddoppio di una centrale che già oggi emette oltre 5,8 milioni di tonnellate di CO2 (Opole). E il secondo Paese più colpito dall’inquinamento di questi impianti è proprio l’Italia, con un numero di morti annue premature stimate di oltre 400, più di una al giorno. La Polonia ha in programma infatti piani di espansione legati al carbone, che prevedono la costruzione di 10 gigawatt di nuove centrali e 3,2 miliardi di tonnellate di lignite da miniere a cielo aperto.

“Vogliamo che Generali diventi un vero leader nella lotta ai cambiamenti climatici. La più importante compagnia assicurativa italiana ha la possibilità ed il dovere di fare qualcosa di concreto per la salute dei cittadini e del Pianeta”, continua Iacoboni. “L’abbandono del carbone e dei combustibili fossili da parte di Generali potrebbe dare un segnale enorme anche al resto del mercato, come accaduto ad esempio con il disinvestimento della compagnia assicurativa francese Axa”, conclude Iacoboni. A riguardo, Greenpeace Italia ha lanciato nei giorni scorsi una petizione che ha già raggiunto oltre 20 mila firme.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kenya, è morto l’ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio. Restano in vita solo due femmine della specie

next
Articolo Successivo

Il rinoceronte Sudan è l’ennesima vittima innocente dei crimini di natura

next