Dalla massoneria al caso Regeni al Mose fino alla mafia nigeriana,  nove giornalisti raccontano nel libro “Italia sotto inchiesta” – presentato domenica 18 marzo a “Libri Come” di Roma – alcune delle vicende che negli ultimi anni che hanno segnato l’Italia. “È un’Italia che rivive problemi atavici”, racconta Nello Trocchia, uno degli autori insieme a Antonio Crispino, Danilo Procaccianti, Sara Giudice, Manuele Bonaccorsi, Giorgio Mottola, Amalia De Simone, Mariangela Pira e Luca Chianca. “Ma ogni storia incontra anche chi resiste, i resistenti. Volti non noti che non si girano dall’altra parte e si oppongono”. Il libro è un progetto collettivo “fatto da giovani ‘inchiestisti'”, racconta Riccardo Iacona, che firma la prefazione. “Questo è un mestiere molto difficile, lo racconta il curriculum di questi ragazzi. Nessuno di loro è in pianta stabile in una redazione, ma nonostante questa difficoltà fanno dell’ottimo giornalismo d’inchiesta”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Festival Giornalismo Perugia, 300 eventi in programma dall’11 al 15 aprile. Tra gli ospiti Gomez, Travaglio, Feltri e Vecchi

next
Articolo Successivo

Dig Awards 2018: “Video sempre più centrale nel racconto di conflitti, soprusi, pezzi di realtà sconosciuti”

next